Metodo della Martingala

metodo martingalaNel mondo delle scommesse calcistiche ed ippiche, di certo siamo sempre alla ricerca di metodi algoritmici facili e con margini di successo sempre più assicurati, che ci permettono di verificare l’efficacia delle nostre scelte sui sistemi da noi giocati. In particolare, il metodo della martingala, un espediente matematico entrato a far parte degli strumenti più apprezzati dagli scommettitori negli ultimi anni, sembra essere ciò di cui abbiamo più bisogno per aumentare le nostre possibilità di vincere alle principali scommesse sportive proposte dai bookmaker più noti.

Il metodo della martingala si basa su un principio fondamentale immediato e semplice: raddoppiare il quantitativo della propria puntata nel caso in cui si perda ad uno stake (singola scommessa). Nel caso in cui si verificassero inoltre incontri o eventi dal risultato particolarmente imprevedibile, ovvero quando le squadre o gli atleti hanno quote del tutto simili tra di loro (esempio: 2,1 e 2,2) raddoppieremo la puntata per un ulteriore incontro: aumentando così il nostro bet potremmo finalmente ottenere una vincita che ci permetterà di venire ricompensati di eventuali perdite dei precedenti match.

In realtà, il metodo della martingala può avere un funzionamento apprezzabile esclusivamente se si considera il guadagno desiderato di molto superiore alla puntata iniziale: in altri termini, ottimizzare la vincita presume che ci sia un divario consistente tra il valore della scommessa vinta ed il numero (e soprattutto il valore) delle puntate effettuate in precedenza.

Per questo motivo, è meglio scegliere di applicare questa strategia in eventi il cui pronostico è quasi praticamente certo oppure che già hanno quota bassa: in questo modo l’utilizzo di questa tattica potrà essere apprezzata anche dai principianti che ne potranno trarre i suoi benefici facendo pratica prima di porre la loro attenzione a varianti più raffinate di tecniche al fine di poter incrementare in maniera più sicura la puntata in gioco.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*